Una delle frasi che ci sentiamo dire più spesso dai nostri clienti è proprio questa!

Che vi prendiate cura di un cane, un gatto, un coniglio o un furetto, almeno un paio di volte all'anno avrete notato un grande aumento del numero di Peli allegramente sparsi in casa o in auto dal Vostro Pelosetto.

Trattasi della muta, un fenomeno del tutto naturale, che avviene soprattutto in base al fotoperiodo, (in pratica, quando cambia il numero di ore di luce con quelle di buio!). La variazione di temperatura, invece, incide soprattutto sulla densità e sulla velocità di rinnovamento del pelo.

La muta è una difesa naturale per esser pronti con un nuovo mantello nei mesi invernali che si avvicinano, (e in primavera, per aver un nuovo mantello che riesca a tutelare meglio dai parassiti).


Dopo la muta il manto risulterà più pulito e brillante perché si libera dei peli morti e delle eventuali impurità ad essi aderite.

Ovviamente il pelo non può crescere all'infinito (salvo per alcune razze canine che hanno bisogno della toelettatura o dello stripping), anche per questo avviene la muta. Un pelo troppo folto infatti potrebbe favorire le infestazioni dei parassiti, e un eccessivo numero di nodi nel mantello. Un valido RASTRELLO potrebbe essere utile in caso di nodi.

Esistono poi diversi strumenti funzionali alla rimozione del pelo morto in eccesso che agiscono su vari livelli. Ad esempio i GUANTI da massaggio, oltre a rimuovere la parte più grossa di pelo in eccesso, consentono di effettuare un coccoloso massaggio al vostro pelosetto.

Guanti ma anche PETTINI, SPAZZOLE e CARDATORI effettuano un'azione di grooming che, oltre ad eliminare il pelo, stimola il legame tra uomo e animale. Uno degli strumenti top è il FURMINATOR, il famoso de-shedder utilizzato anche e soprattutto per i roditori. È una spazzola super cool, in tantissimi colori e a denti finissimi molto utilizzata per la rimozione del sottopelo in tutti gli animali da compagnia.

CANE

Con l'aiuto dei suddetti strumenti, possiamo spazzolare il nostro Fido tendenzialmente nella direzione di crescita del pelo, in modo da sciogliere i nodi ed eliminare il sottopelo in modo delicato senza far sentire dolore all'animale. Se il vostro Fido ha un pelo corto fitto e duro, sarebbe meglio procedere - prima della spazzolatura - con un cardatore per rimuovere il sottopelo e le cellule desquamate; in seguito eseguite un secondo passaggio con una spazzola morbida nella direzione di crescita del pelo. Se invece il vostro Fido ha il pelo raso non è richiesta una cura particolare, è sufficiente procedere una volta a settimana, tramite spazzola rigida e andando contropelo.

È bene abituare i nostri animali fin da piccoli a queste pratiche di scambio di attenzioni. Il grooming domestico, (come quello che fanno l'un l'altra le scimmiette!) è anche un modo per evitare che i nostri pet effettuino la pulizia del pelo da soli rischiando di ingerire grandi quantità di peli che poi possono creare fastidiosi problemi gastrici.

Anche l'alimentazione è importante per permettere all'organismo di affrontare la muta del mantello. Ad esempio gli acidi grassi omega3 e omega6 sono fondamentali durante questa fase, per avere un manto più forte e in salute. Molti mangimi li contengono, ma esistono anche integratori validi per cani, un olio di salmone contenente Omega3 e Beta-Carotene. Questi Omega sono indispensabili per il processo metabolico e non possono essere prodotti dall'organismo. Svolgono molteplici funzioni e svolgono un importante ruolo nella salute cutanea, nella qualità della pelliccia e nella riproduzione. Particolarmente indicato per riequilibrare i fattori nutrizionali che garantiscono la bellezza del pelo e l'integrità della cute, andando a coprire anche situazioni di desquamazione della pelle (forfora).

GATTO

Ora passiamo al nostro amico felino per eccellenza, il gatto! Prendersi cura del manto dei gatti è molto importante per affrontare il periodo della muta senza disagi. Anche in questo caso è necessario procedere tenendo in considerazione la tipologia di pelo ed, eventualmente, delle razze. Il pelo lungo necessita di una spazzolatura quotidiana di almeno una volta al giorno per qualche minuto, in modo da rimuovere la maggior quantità possibile di pelo morto, per evitare che il gatto lo ingerisca mentre si lecca per pulirsi. Se trovate dei piccoli nodi, scioglieteli cautamente con le dita, specialmente dietro alle orecchie e sul capo, dove il gatto non riesce ad arrivare con la lingua. È inoltre importante ricordare che la spazzolatura preserverà anche la pulizia dei divani e dei letti di casa. Nei gatti a pelo corto solitamente è sufficiente una spazzolatura a settimana. Prima di iniziare potete massaggiare il pelo con uno speciale guanto (di cui abbiamo parlato in precedenza). In questo modo potete rimuovere i peli morti e stimolare l'irrorazione sanguigna della pelle.

Un altro consiglio per evitare la formazione di boli di pelo nei gatti è la somministrazione di erba gatta, che è un naturale digestivo per i nostri amici felini, oltre che le paste a base di malto che facilitano l'espulsione dei peli con le feci, e – così come per il Cane - gli integratori alimentari di Acidi Grassi.

.


CONIGLI e ALTRI PICCOLI ANIMALI

Durante la muta i roditori si leccano di continuo per pulire il corpo e, come i gatti, ingeriscono grandi quantità di pelo che possono causare stitichezza e occlusione intestinale.

I rimedi sono simili a quanto visto per cane e gatto: frequente spazzolatura, somministrazione di paste al malto per facilitare l'espulsione delle feci.

SCOPRI QUI SOTTO I TANTI PRODOTTI CHE POTREBBERO ESSERE UTILI A TE E AL TUO PELOSETTO DURANTE LA MUTA.


Nota Informativa Finale

Ricordiamo che questo articolo vuole soltanto racchiudere qualche consiglio in base alla nostra esperienza in negozio e grazie allo scambio di informazioni con colleghi e toelettatori; per informazioni specifiche raccomandiamo fortemente di rivolgersi al medico veterinario.